Un caso speciale per la ghostwriter di Alice Basso – Recensione

Oggi è un giorno infausto, ho cercato di rimandarlo il più a lungo possibile, temporeggiare e trovare scuse, ma devo affrontare la realtà. La mia serie di libri italiana preferita è giunta ad una conclusione. Non sono pronta a dire addio alla storia, non lo sarò mai, però è arrivato il momento di parlarvi dell’ultimo libro della magnifica serie di Alice Basso. Un caso speciale per la ghostwriter, edito Garzanti, conclude le avventure della ghostwriter più amata e sopra le righe che ci sia. Questo libro è diverso dai precedenti perché avvolto da un’atmosfera melanconica, forse proprio perché tutto sta giungendo ad una conclusione e viene quindi accompagnato da una prematura nostalgia per quello che ancora, per circa trecento pagine, ci terrà compagnia un’ultima volta.

Voto: ⭐⭐⭐⭐

 

PhotoGrid_1557743708191


 

TRAMA

Per Vani le parole sono importanti. Nel modo in cui una persona le sceglie o le usa, Vani sa leggere abitudini, indole, manie. E sa imitarlo. Infatti Vani è una ghostwriter: riempie le pagine bianche di scrittori di ogni genere con storie, articoli, saggi che sembrino scaturiti dalla loro penna. Una capacità innata che le ha permesso di affermarsi nel mondo dell’editoria, non senza un debito di gratitudine nei confronti dell’uomo che, per primo, ha intuito la sua bravura: Enrico Fuschi, il suo capo. Non sempre i rapporti tra i due sono stati idilliaci, ma ora Vani, anche se non vorrebbe ammetterlo, è preoccupata per lui. Da quando si è lasciato sfuggire un progetto importantissimo non si è più fatto vivo: non risponde al telefono, non si presenta agli appuntamenti, nessuno sa dove sia. Enrico è sparito. Vani sa che può chiedere l’aiuto di una sola persona: il commissario Berganza. Dopo tante indagini condotte fianco a fianco, Vani deve ammettere di sentirsi sempre più legata all’uomo che l’ha scelta come collaboratrice della polizia per il suo intuito infallibile. Insieme si mettono sulle tracce di Enrico. Tracce che li porteranno fino a Londra, tra le pagine senza tempo di Lewis Carroll e Arthur Conan Doyle. Passo dopo passo, i due scoprono che Enrico nasconde segreti che mai avrebbero immaginato e, soprattutto, che ha bisogno del loro aiuto. E non solo lui. Vani ha di fronte a sé un ultimo caso da risolvere e fra le mani, dalle unghie rigorosamente smaltate di viola, stringe le vite di tutte le persone a cui ha imparato a volere bene. Alice Basso ha creato un personaggio fantastico. Una protagonista originale che i suoi lettori chiamano per nome come un’amica. Una protagonista che vive in mezzo ai libri, da cui ha imparato quasi tutto quello che sa. Intorno a lei, altri personaggi indimenticabili cui affezionarsi romanzo dopo romanzo. Un universo in cui calarsi per ricordarsi che il piacere della lettura è questo: una storia che incanta e uno stile impeccabile.


 

NON LEGGETE QUESTA RECENSIONE SE NON AVETE LETTO I ROMANZI PRECEDENTI.

RECENSIONE

Questo non sarà un addio, non potrei mai separarmi del tutto dal mondo creato da Alice Basso, mi ha cambiata come lettrice e di questo le sarò eternamente grata.

Un caso speciale per la ghostwriter segue le vicende subito dopo la conclusione del romanzo precedente. Enrico ha buttato all’aria la sua carriera per Vani, mentre lei, il Commissario Berganza e Riccardo assistevano alla scena. Dopo essere uscito dal suo appartamento sconvolto nessuno ha più notizie di lui e Vani, anche se non vorrebbe ammetterlo, si preoccupa sempre di più per quel testone dell’ormai suo ex capo. I mistero da risolvere in questo romanzo sarà proprio ritrovare Enrico e la missione, per quanto all’apparenza semplice, avrà dei risvolti inaspettati. Per la prima volta gireremo nuovi Paesi, vedremo una Vani più fragile e scopriremo i segreti di Enrico Fuschi.

Quando devo dare un giudizio sui libri di Alice Basso confesso di non riuscire ad essere completamente imparziale, sono affezionata troppo ai personaggi e, anche solo vederli in una scena di vita quotidiana, mi riempie di gioia. In questo ultimo libro c’è un’atmosfera più triste rispetto ai precedenti e anche nei momenti più divertenti nella mia risata si nascondeva una nota di amarezza. Vani, in un certo senso, è consapevole che d’ora in avanti la sua vita sarà diversa, non è una grande fan dei cambiamenti e sta cercando di imparare ad adattarsi alle nuove situazioni. Berganza la conosce e la capisce, grazie a lui riuscirà a comprendere meglio ciò che succede e a mutare con il mutare delle circostanze.

In questo romanzo ritroviamo anche altri personaggi che ci hanno accompagnato nei libri precedenti. Mi è dispiaciuto non vedere molto i piccoli di Berganza, ma non essendo un caso ufficiale è normale che siano meno coinvolti. Assumono più rilievo invece le persone nella vita di Enrico.

Lo stile di scrittura è eccezionale come al solito, il romanzo è impossibile da mettere giù e, anche questa volta, le diverse voci dei personaggi emergono con forza.

Il libro però non è perfetto, per questo non ho dato cinque stelle. Sfortunatamente ho trovato il mistero un po’ carente, non mi ha appassionato come i precedenti e, anche se in alcuni momenti sono rimasta in tensione, per me non è stato abbastanza. In più penso che Vani sia uscita un po’ dal personaggio, anche in passato aveva mostrato delle fragilità, però qui a tratti ho sentito una forzatura nella sua crescita. Forse sono stata influenzata dalla costante sensazione di essere arrivati alla fine.

Nonostante tutto però penso che la conclusione sia perfetta, apre un nuovo capitolo per la vita dei personaggi e, chissà, magari li rivedremo ancora.

Arrivederci Vani.

 

Caty

 


3 risposte a "Un caso speciale per la ghostwriter di Alice Basso – Recensione"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...