Il sole è anche una stella di Nicola Yoon ~ Recensione

Il sole è anche una stella di Nicola Yoon è un libro edito Sperling & Kupfer. Nonostante sia una delle letture di gennaio, so già che sarà sicuramente tra i libri migliori letti nel corso di quest’anno. La storia mi ha completamente conquistata e mi è piaciuta ancora di più di Noi siamo tutto, il primo libro che ho letto dell’autrice e che è diventato un film. Anche questo nuovo romanzo arriverà presto nelle sale cinematografiche e non vedo l’ora di scoprire come adatteranno la storia.
Voto: 🌟🌟🌟🌟🌟

Noi siamo tutto: recensione

8340165_2923878

Trama

Natasha non crede né al caso né al destino. E neppure ai sogni: non si avverano mai. Sua madre dice che le cose succedono per una ragione. Ma Natasha è diversa. Crede piuttosto nella scienza e nella relazione causa-effetto. Ogni azione conduce necessariamente a un’altra e così via. Sono le azioni di ognuno a determinare il destino. Per intenderci, non è il tipo di ragazza che incontra un ragazzo carino in un polveroso negozio di dischi a New York e s’innamora di lui. Eppure è quel che accade, proprio a dodici ore dall’essere rimpatriata in Giamaica insieme alla sua famiglia. Lui si chiama Daniel. È il figlio perfetto, studente modello e sempre all’altezza delle molte aspettative dei genitori. Quando è con Natasha, però, tutto è diverso. Qualcosa in lei gli suggerisce che il destino abbia in serbo un che di speciale – per entrambi. Ed è come se ogni momento della loro vita li avesse preparati solo per vivere questo meraviglioso, singolo istante.

Recensione

A volte scrivere una recensione è uno dei compiti più difficili che ci siano, specialmente quando devi comprendere le tue emozioni e racchiuderle in una serie di parole che riescano ad avere la forza di comunicare tutto ciò che un libro, una pagina o una semplice frase hanno significato per te.
Nicola Yoon ha raccontato una storia dolce, incredibilmente triste e tristemente romantica, mostrando come le vite possano intrecciarsi fino a creare una rete di legami che va al di là di ogni spiegazione.

Natasha è una ragazza che sta per essere rimpatriata insieme alla sua famiglia in Giamaica, non conosce la terra in cui ha trascorso l’infanzia e non vuole assolutamente arrendersi ed abbandonare il futuro che pensava di poter avere negli Stati Uniti.
Daniel è un ragazzo che non sa cosa vuole dalla vita, ciò che sa però è che non vuole essere come suo fratello e non vuole deludere le aspettative dei genitori.
In un’unica intensa giornata le loro vite si intrecceranno e si dovranno confrontare con il destino. Possono due persone innamorarsi in meno di ventiquattro ore? Natasha dalla mente scientifica è convinta di no, Daniel però non è della stessa opinione. Tra un giro a New York, un salto al karaoke e una serie di assurde coincidenze, i due ragazzi affronteranno una corsa contro il tempo per conoscersi e stare insieme, mentre il mondo non sembra voler andare nella giusta direzione.

I brevi capitoli di Daniel e Natasha si alternano raccontando le storie di coloro che incontrano i due ragazzi o che influiscono in qualche modo nella loro giornata. Alcuni racconti commuovono, altri chiariscono le idee, altri ancora fanno provare rabbia o dolore. All’inizio ero spaventata al pensiero che tutti questi salti di punti di vista potessero confondermi o stancarmi, come avviene di solito, ma già dopo una ventina di pagine ho compreso che questo non era il caso. La storia viene arricchita di qualcosa di assolutamente speciale grazie proprio ai brevi paragrafi che creano una rete sempre più solida attorno alle vite dei due protagonisti.

La storia di Natasha e Daniel mi ha commossa e fatta ridere, mi ha tenuto sulle spine dall’inizio alla fine.
Ho trovato così tanto di me riflesso in entrambi i personaggi. Lei è intelligente, scettica e testarda, solitamente nei romanzi capita di vedere la ragazza credere all’amore con facilità mentre il regazzo  osserva tutto con occhio critico, qui invece accade proprio il contrario e per questo ritengo che sia più realistico.

Il racconto si svolge principalmente in un solo giorno e, anche se può sembrare poco, i due protagonisti faranno tesoro di ogni istante, rendendo tutto unico anche per il lettore. L’incessante scorrere del tempo amplifica ogni sensazione della storia ed è ciò che secondo me ci coinvolge e permette di lasciare un segno indelebile in tutti noi.

Lo stile è scorrevole e grazie ai capitoli brevi e al rapido svolgersi degli eventi si legge in una serata, a me sono bastate poche ore per concluderlo, non sono riuscita a chiudere il libro finché non ho girato l’ultima pagina e anche allora il tornado di emozioni ha continuato a travolgermi per giorni mentre mettevo insieme i pezzi della storia cercando e comprendendo indizi che durante la lettura mi erano sfuggiti. Questo libro è stato sicuramente un azzardo per Nicola Yoon, parla di argomenti delicati, descrive una storia che potrebbe ricadere nell’odiata categoria dell’insta-love (ingiustificato amore a prima vista) e sceglie di intraprendere le direzioni più difficili, ma ogni decisione da lei presa non poteva essere migliore. Ha assunto dei rischi ed è stata pienamente ricompensata.

Ovviamente vi consiglio questo romanzo, in una serata libera mettetevi comodi e perdetevi tra le strade di New York in compagnia di Daniel e Natasha.

Buona lettura!
• Caty •

Annunci

Una risposta a "Il sole è anche una stella di Nicola Yoon ~ Recensione"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...