L’amore mi chiede di te di Lucrezia Scali ~ Recensione

L’amore mi chiede di te è il nuovo romanzo di Lucrezia Scali pubblicato da Newton Compton. Una storia dolce e romantica perfetta per chi è cresciuto innamorandosi di Mr. Darcy e addormentandosi con le favole della buona notte.
Voto: 🌟🌟🌟🌟🌟
lamore-mi-chiede-di-te_9312_

Titolo: L’amore mi chiede di te
Autore: Lucrezia Scali
Editore: Newton Compton
Uscita: 23 ottobre 2017
Pagine: 310
Prezzo: 10,00€

TRAMA

Roccamonte è una cittadina dove non succede mai molto. Fa notizia persino l’apertura di una strana tisaneria: a gestirla è Selva, una ragazza che arriva da fuori, che sin da piccola è stata considerata un po’ strana, poco incline a giocare con le bambole a differenza delle sue coetanee. Selva, però, ha un dono particolare: è brava ad aiutare chi è in difficoltà. Per ogni problema, ha pronto un rimedio a base di erbe. Enea è il sindaco di Roccamonte: disponibilissimo con i concittadini, gentile e cordiale. Eppure assolutamente restio alle relazioni sentimentali, a maggior ragione con Selva, con la quale non sembra avere proprio nulla in comune. Ma nonostante si ripeta che deve starle lontano, Enea non può negare, almeno a se stesso, di esserne attratto. Quando finalmente tra i due sta per nascere qualcosa ed Enea pare deciso a lasciarsi un po’ andare, in paese arriva la donna con cui ha avuto una storia. E che gli ha spezzato il cuore.

RECENSIONE
Sveva è una ragazza particolare, ha un dono tramandatole da sua nonna che le permette di capire le persone ad un livello profondo. Grazie alle sue tisane riesce a trovare il rimedio per tutto e ad esprimere al meglio questa sua capacità. In un momento particolare della sua vita decide di aprire una tisaneria a Roccamonte, una tranquilla cittadina piemontese, lì farà tanti nuovi incontri e conoscerà Enea, il giovane sindaco.
Enea è cinico, pragmatico e non crede nel “E vissero per sempre felici e contenti” delle fiabe. È rimasto scottato in passato e ha chiuso le porte in faccia all’amore. È una sorta di nuovo Mr. Darcy, super antipatico ma divertente, i suoi momenti di pura e semplice acidità fanno ridere e alzare gli occhi al cielo, sospirando in attesa del momento in cui realizzerà quanto è importante ciò che ha davanti e coglierà l’occasione di conoscere veramente Sveva.
Tra i due c’è un legame speciale, che non può essere spiegato a parole, va sentito invece di pagina in pagina e vissuto insieme ai protagonisti.
Enea è scontroso all’inizio, ma in realtà indossa una maschera per celare la sua vulnerabilità. Sveva non nasconde quello che è, ama i gatti, conoscere nuove persone e donare loro un po’ di tranquillità grazie al suo lavoro. I due non potrebbero essere più diversi però,  allo stesso tempo, hanno bisogno l’uno dell’altra per guarire il cuore e riprendere in mano la loro vita ormai chiusa all’amore.

Questa dolce e divertente storia tocca argomenti diversi e anche importanti. Confronta il passato e il presente rendendo sempre più chiaro ciò che ha portato i protagonisti ad incontrarsi a Roccamonte. Ha colpi di scena che non sono riuscita a prevedere e un crescendo di emozioni che portano a desiderare che il racconto non si concluda.
Lo stile di Lucrezia Scali è delicato e scorrevole, con pensieri profondi e sinceri. L’autrice mette su carta fantasie che accomunano non solo noi lettrici, ma tutte le donne e gli uomini in cerca di un lieto fine o di una seconda possibilità nella vita.

Consiglio di cuore questa storia, vi innamorerete, sognerete e vivrete momenti che ricorderete a lungo una volta girata l’ultima pagina.

Buona lettura!

• Caty •

 

Annunci

2 risposte a "L’amore mi chiede di te di Lucrezia Scali ~ Recensione"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...