Magic di V.E. Schwab ~ Recensione

Magic di V.E. Schwab edito Newton Compton è il primo romanzo di questa autrice tanto amata e famosa che ho l’opportunità di leggere. Le mie aspettative erano altissime e allo stesso tempo provavo a rimanere con i piedi per terra perché sapevo che nei suoi romanzi non sono presenti storie d’amore e solitamente se non c’è una relazione non mi appassiono molto. Contrariamente a quello che pensavo mi sono innamorata tantissimo dei due protagonisti principali e, durante la lettura, non ho sentito l’esigenza di vedere scene di innamoramento, al contrario sarebbero state eccessive e non necessarie. Magic è il perfetto inizio per questa trilogia, un fantasy esplosivo, emozionante e con protagonisti imperfetti, ma che fanno sognare e trasportano nella storia.
Voto: 🌟🌟🌟🌟
magic_9360_

Titolo: Magic
Autore: V.E. Schwab
Editore: Newton Compton
Uscita: 12 ottobre 2017
Pagine: 416
Prezzo: 10,00€
Prezzo e-book: 2,99€

TRAMA

Kell è uno degli ultimi maghi della specie degli Antari ed è capace di viaggiare tra universi paralleli e diverse versioni della stessa città: Londra. Ci sono la Rossa, la Bianca, la Grigia e la Nera, nelle quali accadono cose diverse in epoche differenti. Kell è cresciuto ad Arnes, nella Londra Rossa, e ufficialmente è un ambasciatore al servizio dell’Impero Maresh, in viaggio alla corte di Giorgio III nella Londra Grigia, la più noiosa delle versioni di Londra, quella priva di magia. Ma Kell in verità è un fuorilegge: aiuta illegalmente le persone a vedere piccoli scorci di realtà ai quali, solo con le proprie forze, non avrebbero mai accesso. Si tratta di un hobby molto rischioso, però, e Kell comincia a rendersene conto. Dopo un’operazione di trasporto illegale andata storta, Kell fugge nella Londra Grigia e si imbatte in Delilah, una strana ragazza che prima lo deruba, poi lo salva da un nemico mortale, e infine lo convince a seguirla in una nuova avventura. Ma la magia è un gioco pericoloso e se vuoi continuare a giocare prima di tutto devi imparare a sopravvivere…

RECENSIONE
Magic segue le avventure di un ragazzo di nome Kell, uno degli ultimi due viaggiatori, in grado di trasferirsi grazie alla magia attraverso versioni della città di Londra parallele: Londra Rossa, Londra Bianca, Londra Grigia e Londra Nera. Ciascuna delle quattro città è molto diversa dalle altre, alcune possono usare la magia mentre in altre è ormai scomparsa. Kell appartiene a Londra Rossa e trasporta messaggi ai vari sovrani mantenendo così i contatti con altre due tra queste città. Mentre esegue il suo lavoro Kell trasporta in segreto oggetti tra un mondo e l’altro per i collezionisti. Dopo cento pagine circa la storia inizia veramente quando il nostro protagonista si ritrova a dover trasportare qualcosa di davvero pericoloso, nonostante l’apparenza innoqua, e si imbatte in Lila, un’abile ladra di Londra Grigia che lo deruba e gli salva la vita. Insieme inizieranno un’epica avventura per riportare l’oggetto al luogo in cui appartiene, affrontando pericoli di ogni genere, usando la magia e regalando scene d’azione e tante risate.
“Potere nell’equilibrio. Equilibrio nel potere”. In parte motto, in parte mantra, e in parte preghiera, quelle parole correvano sotto l’emblema reale di Londra Rossa, e si potevano trovare sia nei negozi che nelle case. La gente nel mondo di Kell credeva che la magia non fosse una risorsa infinita, né essenziale. Il suo scopo era di essere usata senza abusarne, esercitata con riverenza e cautela.
La trama è originale e creativa, unisce elementi reali legandoli all’immaginazione della scrittrice che crea non uno, ma ben quattro realtà diverse e uniche. Il viaggio che si compie con Kell e Lila è sin da subito emozionante e con il procedere della narrazione aumenta di intensità fino a lasciare il lettore a scorrere le pagine senza sosta per scoprire cosa accade alla fine di una scena di azione o di una rincorsa per salvarsi la vita.
Tra le due cose che ho amato di più di questo romanzo ci sono proprio i protagonisti: Kell e Lila. Non sono perfetti, non provano ad esserlo, sono ragazzi in cerca di avventure e della propria identità, in fuga dal passato e che, nonostante tutto, riescono a fare le scelte migliori imparando dai loro sbagli e sostenendosi l’un l’altro. In questo romanzo li conosciamo, ma sono convinta che quello che vediamo sia solo una minima parte e si scopriranno tantissime nuovi misteri riguardo loro e il loro passato. Io ho già le mie teorie e non vedo l’ora di verificare se siano corrette.
La magia non è semplice da comprendere, ma neppure complessa. Principalmente riguarda gli elementi e si sviluppa anche grazie al linguaggio, ai talismani e alla volontà di chi ne fa uso.
La magia univa il mondo. Gli dava forma. C’erano dei punti fissi. La maggior parte del tempo, quei punti erano luoghi. Ma a volte, di rado, erano persone.
Ho scritto in precedenza che la storia inizia dopo un centinaio di pagine perché nella prima parte ci muoviamo molto lentamente tra le linee in cui è costruito questo mondo. L’autrice infatti mostra con calma e attenzione gli aspetti principali, tutto ciò che incontriamo all’inizio serve invece per comprendere la storia una volta che acquista un ritmo veloce e adrenalinico. Nelle prime pagine si conoscono i sovrani e si vede un una panoramica  di tre delle quattro Londra. Lo stile è chiaro e permette di percepire attraverso la pagina la città di cui si sta leggendo, vedendo nitidamente i contorni della storia e leggendo con rapidità anche le descrizioni più dettagliate.
 L’amore non compra nulla, quindi sii felice di quello che hai e delle persone che hai, perché potrai anche desiderare di avere altro, ma non hai bisogno di niente.
La parte che o in assoluto preferito di più è stata il finale. Solitamente gli ultimi capitoli lasciano dentro di me una sensazione di incompletezza, in questo libro però mi sono ritrovata con tutte le risposte di cui avevo bisogno e quindi davvero soddisfatta, senza sentire la mancanza di qualcosa di importante, ma comunque con il desiderio di continuare a leggere questa serie e di scoprire di più sul mondo e i suoi personaggi in particolare Kell, Lila e Rhy.
Buona lettura!
• Caty • 
Annunci

5 risposte a "Magic di V.E. Schwab ~ Recensione"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...