Heaven, Texas di Susan Elizabeth Phillips (Recensione)

Heaven, Texas di Susan Elizabeth Phillips è il secondo romanzo pubblicato in Italia da Leggereditore della serie sugli affascinanti giocatori dei Chicago Stars. Fortunatamente le storie di questa autrice possono essere lette in ordine sparso e, dopo essermi innamorata del quinto romanzo, ho deciso di immergermi completamente in tutti i racconti passionali e irriverenti dell’autrice americana.
Questo libro è perfetto se siete alla ricerca di un romance maturo e divertente, con protagonisti egocentrici e buoni, capaci di crescere e di farvi battere il cuore più velocemente.

Voto: 🌟🌟🌟🌟🌟

La prima stella della notte (#5) : recensione

9788865082027_0_0_300_75

Trama

Gracie Snow decide di lasciarsi alle spalle un’intera vita e accetta un’offerta di lavoro a Hollywood come assistente di produzione. Subito però le viene affidato un incarico difficile: deve convincere Bobby Tom Denton, un affascinante ex giocatore di football, a presentarsi sul set per iniziare le riprese del suo primo film. Così Gracie entra in contatto con un mondo fatto di party selvaggi, donne mozzafiato, jet privati e alberghi lussuosi. Dopo qualche fraintendimento e un buffo spogliarello improvvisato, riesce a convincere Bobby a farsi accompagnare nella sua città natale, Telarosa, dove avranno luogo le riprese del film; ma lì tutti cercano in qualche modo di ottenere qualcosa da lui. Tra loro c’è Wayland Sawyer, ex cattivo ragazzo diventato uno degli uomini più ricchi della città, che minaccia di chiudere gli stabilimenti di un’importante azienda e trasformare Telarosa in una città fantasma… Un pericolo da scongiurare e un’occasione per Gracie di capire dove si trova il vero amore.

 

Recensione

Gracie è una trentenne che non ha vissuto molto, è cresciuta e ha lavorato in una casa di riposo fin da bambina senza mai provare a vivere davvero.
Un nuovo lavoro e una nuova vita la aspettano, ma non tutto è semplice come se lo immagina. Il suo primo incarico sarà portare il bellissimo ed egocentrico ex giocatore di Football Bobby Tom sul set del suo primo film e non appena varca la soglia di casa dell’atleta i suoi piani subiscono un repentino cambiamento e tutto inizia ad andare per il verso sbagliato.

La storia è esilarante, focosa e a tratti drammatica. Susan Elizabeth Phillips salta da un punto di vista all’altro per raccontare vicende che coinvolgono non solo i due protagonisti, ma anche la piccola cittadina natale di Bobby Tom.

Il bellissimo ex giocatore dei Chicago Stars è veramente antipatico e fa alzare più volte gli occhi al cielo per la smisuratezza del suo ego, la sua bontà e generosità però spazzano via ogni dubbio riguardo al personaggio e fanno innamorare perdutamente della sua spudoratezza, della sua dolcezza e del suo senso dell’umorismo.
Non intendendomi di Football mi piace scoprire un po’ alla volta con i romanzi di questa autrice qualcosa sullo sport più amato dagli americani che è parte integrante della storia, senza rendere tedioso l’argomento.

Gracie, l’inesperta e gentile protagonista, è una donna forte e caparbia, non si fa mettere i piedi in testa da nessuno nonostante la sua poca esperienza ed impara ad amarsi e ad amare. Grazie al suo personaggio il racconto diventa speciale e fa emozionare il lettore.

Questa è una storia che consiglio, perfetta da leggere sotto l’ombrellone o per chi è in cerca di un po’ di passione che scaldi le giornate fredde e piovose.

Buona lettura!
• Caty •

Annunci

3 risposte a "Heaven, Texas di Susan Elizabeth Phillips (Recensione)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...