A Court of Mist and Fury Sarah J. Maas (Recensione)

Conoscete Sarah J. Mass? Se la risposta è negativa vi consiglio di fermarvi un attimo e andare a prendere un suo libro. L’altra sera ho concluso la lettura di uno dei migliori romanzi che abbia mai letto: A Court of Mist and Fury. Avevo sentito tantissimi complimenti di persone che hanno perso la testa per questa storia, ma fino a quando non ho iniziato a leggere, avevo qualche dubbio e temevo che non mi sarebbe piaciuto. Tutte le mie remore si sono dissolte nel giro di qualche capitolo e nella parte finale ho iniziato a urlare, abbracciare il libro, piangere e ridere come non mi era mai successo prima. ACOMAF, acronimo di questo capolavoro diffuso nella comunità online, è il secondo libro nella nuova serie della Mass iniziata con A Court of Thorns and Roses e che a maggio vedrà la pubblicazione del terzo capitolo A Court of Wings and Ruin. La recensione conterrà spoiler del primo e del secondo libro quindi fermatevi alla trama e non procedete oltre se non avete letto ancora i libri. In Italia sono ancora inediti quindi potrete avventurarvi nel mondo della Maas se conoscete bene l’inglese e siete disposti a leggere mattoni di minimo 500 pagine (il terso volume si dice ne avrà almeno 700!!!) però vale la pena immergersi in questo mondo e vi assicuro che nel ro di qualche giorno concluderete la lettura. Il primo libro è scritto sulla falsa riga della Bella e la Bestia, ma si distanzia quasi subito dalla storia che tutti conosciamo.
Feyre vive in un mondo dove gli umani sono divisi dalle fate grazie ad un muro che separa gli uomini dai mostri che tanto temono e che per secoli li hanno schiavizzati e uccisi. Un giorno, però, la nostra protagonista uccide accidentalmente una fata e si ritroverà catapultata in quel mondo di cui a sentito le storie più spaventose.
Il secondo romanzo inizia qualche giorno dopo gli eventi sconvolgenti che hanno portato alla fine del primo libro e si dovranno affrontare le conseguenze di tutto ciò che è accaduto. Detto questo voglio passare alla recensione perché non vedo l’ora di ripercorrere ACOMAF e sfogarmi un po’. Se volete leggere la trama del primo e del secondo libro le lascio qui sotto in inglese.

Voto: 🌟🌟🌟🌟🌟

0b89533a4350e43414db3273f9394e59

Trama A Court of Thorns ans Roses

When nineteen-year-old huntress Feyre kills a wolf in the woods, a beast-like creature arrives to demand retribution for it. Dragged to a treacherous magical land she only knows about from legends, Feyre discovers that her captor is not an animal, but Tamlin—one of the lethal, immortal faeries who once ruled their world.
As she dwells on his estate, her feelings for Tamlin transform from icy hostility into a fiery passion that burns through every lie and warning she’s been told about the beautiful, dangerous world of the Fae. But an ancient, wicked shadow grows over the faerie lands, and Feyre must find a way to stop it . . . or doom Tamlin—and his world—forever.

da4e9b4dba0cde8bd7baa6e93dc9ab5c

Trama A court of Mist and Fury

Feyre survived Amarantha’s clutches to return to the Spring Court—but at a steep cost. Though she now has the powers of the High Fae, her heart remains human, and it can’t forget the terrible deeds she performed to save Tamlin’s people.
Nor has Feyre forgotten her bargain with Rhysand, High Lord of the feared Night Court. As Feyre navigates its dark web of politics, passion, and dazzling power, a greater evil looms—and she might be key to stopping it. But only if she can harness her harrowing gifts, heal her fractured soul, and decide how she wishes to shape her future—and the future of a world cleaved in two.
With more than a million copies sold of her beloved Throne of Glass series, Sarah J. Maas’s masterful storytelling brings this second book in her seductive and action-packed series to new heights.

Recensione

Se avete concluso la lettura di questo incredibile libro saprete come mi sento. Ho il cuore a pezzi, l’animo tormentato e la mia mente combatte per rimanere lucida.
All’inizio ero ancora restia su tutta la storia con Tamlin e Rhysand e tutti gli spoiler che avevo letto, ma nel giro di poche pagine ho iniziato a non sopportare Tamlin e quando ha imprigionato Feyre in casa, dopo tutto quello che aveva affrontato per lui e il suo mondo, credo che se avessi potuto lo avrei incenerito attraverso le pagine. Da quel momento è stato inevitabile provare odio per lui fino alla fine che mi ha sconvolta, ma allo stesso tempo era l’unico finale possibile per una storia così bella, non mi sarei aspettata nulla di meno. Lucien ha rappresentato l’inutilità in questo libro e spero davvero che nel prossimo si dia una svegliata e, almeno per Elaine, decida di aiutare Feyre. Quando hanno spiegato che non usare i propri poteri può portare alla pazzia ho iniziato a sospettare che forse proprio per questo motivo Tamlin sia diventato tanto folle, l’amore si dica renda ciechi ma è ingiustificabile e imperdonabile il suo comportamento. Si prospettano tempi duri per la Spring Court.

Passiamo ora alla Night Court. Non vedevo l’ora di scoprire cosa sarebbe successo con il “contratto” tra Rhysand e Feyre. Aspettavo pazientemente di vederlo piombare sulla scena in modo teatrale e, quando siamo arrivati al matrimonio, questa è stata la serie dei miei pensieri:

Adesso arriva Rhysand!
Adesso arriva Rhysand!
Ti prego vieni a salvarla Rhysand!
Abbiamo bisogno di te Rhyyyyssss!
Feyre no no no!
Siiii Rhysand!
A cuccia Tamlin.

Già da questo potete capire che effetto abbia avuto su di me questo libro. Sono regredita ad una stato in cui la disperazione ha sostituito la razionalità e la mia solita compostezza ha lasciato il posto a scleri e risate isteriche. Starò forse esagerando, ma non so come altro descrivere il tornado di emozioni che mi ha travolta.
Tutti i messaggi che Feyre e Rhys si sono scambiati, le loro battute, la forza che lui ha messo per riportarla a vivere quando ormai lei era solo un’ombra di se stessa pronta a dissolversi da un momento all’altro, mi hanno fatto immanorare della storia e hanno reso questa la ship migliore che abbia mai visto.

Il ROMANCE è uno degli aspetti che rende le storie di Sarah J. Mass così belle e qui possiamo vedere come qualcuno può entrare nella nostra vita e sconvolgerla lasciandoci senza fiato (Sto parlando di te Rhysand!). Le mie aspettative ormai sono così alte che, a meno che non incontri il mio Mate e non sia un membro della cerchia interna della Night Court, rimarrò sola e delusa a vita. Il capitolo in cui Rhysand confessa tutto a Feyre mi ha commosso profondamente. Un intero capitolo così non mi è mai capitato di leggerlo in anni e anni da lettrice compulsiva. La scena con la pittura, quella nel l’ostello, quella in camera di lui dopo l’incubo, sono tutte mozzafiato.
La cerchia di Rhysand poi mi ha fatto perdere la testa, un gruppo così unito e divertente, una famiglia che rispetta i propri membri e farebbe di tutto per loro è probabilmente ciò che ha spinto Feyre ad aprirsi sempre più ai suoi poteri e a guarire dalle profonde ferite del passato, anche quelle lasciate prima ancora di entrare nel mondo delle fate.
L’odio per Nesta ed Elaine si è molto attenuato e non vedo l’ora di leggere di loro Cassian e Lucien. Tamlin è riuscito a far convergere la rabbia tutta su di lui, in qualcosa è bravo dopotutto.

Il grandissimo finale ha lasciato con il cuore spezzato tutti e non mi sono ancora ripresa da quello che è accaduto. Il re di Hybern meriterebbe l’estinzione, ma le peggiori sono sicuramente quelle orribili regine che hanno preferito vendere al nemico il loro popolo per l’immortalità, invece di combattere coloro che hanno promesso di proteggere.
L’ultima scena però, il capitolo dal punto di visa di Rhysand e poi di Feyre è stato davvero inaspettato. La High Lady of che Night Court darà filo da torcere a tutti e si prospetta un seguito davvero emozionante. Credo che nella battaglia per proteggere Velaris, una delle mie scene preferite oltretutto, abbiamo visto solo l’inizio di ciò che Feyre può fare con i suoi poteri. Mi è piaciuto il fatto che stiano crescendo con lei e che debba esercitarsi duramente per imparare a usarli anziché dare per scontato le sue abilità e farla sembrare meno reale, la Maas è riuscita attraverso le sue parole a far sentire crescere le abilità e il potere della bellissima, letale e determinata Feyre Cursebreacker, the Defender of the Rainbow, High Lady of che Night Court.

When you spend so long trapped in darkness, you find that the darkness begins to stare back.

Buona lettura!
• Caty •


6 risposte a "A Court of Mist and Fury Sarah J. Maas (Recensione)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...